Dai Giardini della Stazione ai Giardini dell'Amore

23/09/2014

Si svolgerà dal 28 settembre al 5 ottobre la mostra fotografica Gratta il cielo e scopri il mondo. Dai Giardini della Stazione ai Giardini dell’Amore, organizzata dall’ Associazione Culturale Fotografia, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e l’Associazione Ferrara Solidale e Sicura, presso la Caffetteria Ristoro Schifanoia (Giardino dell’Amore) a Ferrara, nell’abito del Festival Internazionale.
La mostra fotografica è il risultato di un laboratorio espressivo di foto-reportage per ragazzi dagli 11 ai 16 anni, tenuto da Ippolita Franciosi con la collaborazione di Dario Egidi, Letizia Rossi e Guido Siviero, dell’Associazione Culturale Fotografia, dedicato alla creazione di una storia per immagini sul Grattacielo di Ferrara, dove coesistono più di venti etnie diverse in un continuo scambio culturale.
L’esposizione nasce dalla volontà di dare l’opportunità ai ragazzi che abitano il Grattacielo di Ferrara di raccontare il proprio vissuto, la propria storia, il proprio mondo. Raramente, infatti, il mondo variegato dei migranti ha l’occasione di raccontare la propria visione della realtà in prima persona o di esprimere la propria fantasia e creatività nello spazio pubblico della città. Inoltre gli stereotipi diffusi nel pensiero comune e rafforzati dai media aumentano l’invisibilità sociale delle popolazioni migranti, a cui troppo spesso si associano problemi di integrazione, marginalità e povertà.
La mostra si aprirà domenica 28 settembre alle ore 15,00 con un concerto live acustico di Artan Fuorimoda, un artista albanese, con accento vagamente romagnolo, mentre il giorno di chiusura dell'evento - domenica 5 ottobre - alle ore 15 l'attrice Tatiana Lepore, accompagnata dalla chitarra del musicista ferrarese Giorgio Felloni leggerà alcuni brani tratti da scrittori che hanno trattato la condizione dell'esule (Foscolo, Omero, Botho Strauss, , e voci tratte da L'Odissea di Omero (la descrizione del ritorno in patria di Ulisse) fino alla versione più moderna di "Itaca, il ritorno" del Tedesco Botho Strauss e infine qualche estratto dal libro "Ifantasmi di Portopalo", di Giovanni MariaBellu).
Il progetto Gratta il cielo e scopri il mondo è un'idea di Ippolita Franciosi, socia dell'Associazione Fotografia, laureata al Dams, fotografa professionista ferrarese, che da anni si occupa di laboratori di alfabetizzazione alla fotografia rivolti a bambini sia all'estero (in Kosovo con i bambini Rom) che in Italia (a Napoli con le donne migranti), che dal 3 al 12 ottobre espone presso la libreria Feltrinelli di via Garibaldi, sempre a Ferrara, una sua mostra personale dal titolo Resistenze. Il passaggio della staffetta, che è una sorta di invito a raccontare una storia della resistenza civile e armata attraverso i volti delle protagoniste. Le fotografie "parlano" di donne che hanno vissuto quel periodo in maniere diverse, come partigiane combattenti, staffette, deportate, tutte protagoniste del variegato mondo della Resistenza. Gratta il cielo e scopri il mondo è un’iniziativa gratuita e osserva il seguente orario: dalle ore 11 alle ore 18 . Chiusura il lunedi.

Dai Giardini della Stazione ai Giardini dell'Amore

23/09/2014

Si svolgerà dal 28 settembre al 5 ottobre la mostra fotografica Gratta il cielo e scopri il mondo. Dai Giardini della Stazione ai Giardini dell’Amore, organizzata dall’ Associazione Culturale Fotografia, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e l’Associazione Ferrara Solidale e Sicura, presso la Caffetteria Ristoro Schifanoia (Giardino dell’Amore) a Ferrara, nell’abito del Festival Internazionale.
La mostra fotografica è il risultato di un laboratorio espressivo di foto-reportage per ragazzi dagli 11 ai 16 anni, tenuto da Ippolita Franciosi con la collaborazione di Dario Egidi, Letizia Rossi e Guido Siviero, dell’Associazione Culturale Fotografia, dedicato alla creazione di una storia per immagini sul Grattacielo di Ferrara, dove coesistono più di venti etnie diverse in un continuo scambio culturale.
L’esposizione nasce dalla volontà di dare l’opportunità ai ragazzi che abitano il Grattacielo di Ferrara di raccontare il proprio vissuto, la propria storia, il proprio mondo. Raramente, infatti, il mondo variegato dei migranti ha l’occasione di raccontare la propria visione della realtà in prima persona o di esprimere la propria fantasia e creatività nello spazio pubblico della città. Inoltre gli stereotipi diffusi nel pensiero comune e rafforzati dai media aumentano l’invisibilità sociale delle popolazioni migranti, a cui troppo spesso si associano problemi di integrazione, marginalità e povertà.
La mostra si aprirà domenica 28 settembre alle ore 15,00 con un concerto live acustico di Artan Fuorimoda, un artista albanese, con accento vagamente romagnolo, mentre il giorno di chiusura dell'evento - domenica 5 ottobre - alle ore 15 l'attrice Tatiana Lepore, accompagnata dalla chitarra del musicista ferrarese Giorgio Felloni leggerà alcuni brani tratti da scrittori che hanno trattato la condizione dell'esule (Foscolo, Omero, Botho Strauss, , e voci tratte da L'Odissea di Omero (la descrizione del ritorno in patria di Ulisse) fino alla versione più moderna di "Itaca, il ritorno" del Tedesco Botho Strauss e infine qualche estratto dal libro "Ifantasmi di Portopalo", di Giovanni MariaBellu).
Il progetto Gratta il cielo e scopri il mondo è un'idea di Ippolita Franciosi, socia dell'Associazione Fotografia, laureata al Dams, fotografa professionista ferrarese, che da anni si occupa di laboratori di alfabetizzazione alla fotografia rivolti a bambini sia all'estero (in Kosovo con i bambini Rom) che in Italia (a Napoli con le donne migranti), che dal 3 al 12 ottobre espone presso la libreria Feltrinelli di via Garibaldi, sempre a Ferrara, una sua mostra personale dal titolo Resistenze. Il passaggio della staffetta, che è una sorta di invito a raccontare una storia della resistenza civile e armata attraverso i volti delle protagoniste. Le fotografie "parlano" di donne che hanno vissuto quel periodo in maniere diverse, come partigiane combattenti, staffette, deportate, tutte protagoniste del variegato mondo della Resistenza. Gratta il cielo e scopri il mondo è un’iniziativa gratuita e osserva il seguente orario: dalle ore 11 alle ore 18 . Chiusura il lunedi.